Vai al contenuto

Trieste, 16 e 22 marzo ’23

Giovedì 16 marzo, la professoressa Natalina De Nardi, straordinaria organizzatrice, ci ha portato a Trieste per una giornata culturale tra il sacro ed il profano. Un altro gruppo di studenti è tornato il successivo mercoledì 22 marzo, per visitare gli stessi luoghi (tranne la Sinagoga chiusa per i preparativi alla festa di Pesach).

Nota per la sua posizione lungo il mare Adriatico, Trieste è una città ricca di storia, cultura e bellezze naturali. La sua posizione geografica la rende un importante porto commerciale e la sua ricca storia multiculturale è evidente nei molti suoi monumenti e luoghi di interesse storico. La nostra gita si è concentrata sulla scoperta dei luoghi di culto più significativi. Infatti, una delle peculiarità che Trieste vanta è il fatto di avere chiese di religioni e culti differenti una accanto all’altra, un bellissimo esempio di integrazione. Abbiamo visitato:

  • la Sinagoga, annoverata fra le più grandi e maestose d’Europa, nella quale stili diversi s’intrecciano in una struttura originale e di grande suggestione, rappresenta in modo tangibile l’influenza raggiunta tra Otto e Novecento dalla Comunità ebraica nella vita economica e culturale della città oltre ad essere simbolo della Trieste multireligiosa
  • la chiesa serbo ortodossa, riflette lo stile bizantino delle chiese orientali, è la più importante delle tre parrocchie esistenti in Italia (le altre due sono a Vicenza ed a Trezzo sull’Adda), fa parte della diocesi di Italia, Austria e Svizzera, con sede vescovile a Vienna. 
  • la chiesa greco ortodossa, fatta edificare tra il 1784 ed il 1787, con la sua elegante facciata neoclassica, è dedicata alla SS. Trinità ed a S. Nicola 
  • la Cattedrale di San Giusto, il più importante edificio religioso cattolico, sorge sulla sommità dell’omonimo colle che domina la città. L’aspetto attuale della Cattedrale formata da cinque navate, deriva dall’unificazione di due chiese preesistenti.

Nel pomeriggio siamo passati dal sacro al profano, spostandoci al Salone degli Incanti per la mostra dedicata a BANKSY, l’artista più satirico nel panorama della street art! La sua vera identità rimane ancora sconosciuta ma sono ben chiari, conosciuti e pungenti i messaggi che esprime attraverso i suoi graffiti. È certamente un abile comunicatore che sceglie di esprimersi nel modo più silenzioso possibile, lasciando che sia la sua arte a parlare al posto suo.

Trieste, Piazza Unità d’Italia (16/03/23)
Trieste, Salone degli Incanti (16/03/23)
Trieste, Salone degli Incanti (22/03/2023)

Lascia un commento