Vai al contenuto

Stefano MITRIONE

DOCENTE DI TECNOLOGIA

Controcorrente, globale, basico, come letto nel 2007 su Intopic.it – (Rassegna stampa sul panorama informativo Italiano) – Fonda nel 1986 il suo primo laboratorio di design all’interno del gruppo-sistema Permasteelisa Spa.

Leggi tutto…


A.A. 2023-24

U2050 seconda stagione

Oltre ad essere uno straordinario veicolo di informazione, U2050 rappresenta oltremodo un notevole investimento di risorse umane, collettive e tecnologiche a favore della comprensione del nostro futuro, e quindi del nostro presente.  Dopo un anno esatto dal suo concepimento si rinnova per affrontare la prossima sfida di Unipinto rivolta al miglioramento della qualità della vita della cittadinanza. Metodologie applicate: Grazie alla diffusione di grandi quantità di informazione chiunque di noi può costruire un futuro migliore a propria misura. Ma quali sono le fonti più attendibili che potrebbero guidarci sulla giusta strada, e quali viceversa sono quelle che tendono a manipolarci per altri scopi? Oltre ad un buona dose di cultura generale, e di conoscenza delle dinamiche stesse della disinformazione, esistono delle metodologie “SEO” (Search Engine Optimization) che potrebbero avere una speculare funzionalità lato utente, al fine di guidarlo più agevolmente all’interno del “Big Data“.

I temi che saranno trattati:

  • Resilienza climatica
  • Ricerca medica
  • Immortalità relativa
  • Oasi 2050

Leggi i dettagli del programma didattico…

Stefano transgenderizzato

A.A. 2022-23

Per capire il presente vi porto nel futuro

In un mondo sempre più interconnesso stiamo vivendo quello che potremmo chiamare “accelerazione tecnologica”, dove la percezione dei cambiamenti diventa sempre più rapida e spesso incomprensibile. Ma il progresso è inevitabile, non lo si può controllare perchè non è un evento ma la somma di molti, è l’istinto stesso della sopravvivenza di specie.
Quindi, se il presente determina il futuro, immaginare il futuro determina la comprensione stessa del presente.
Un viaggio nel tempo, che potrebbe durare idealmente 28 anni, ci porterà a scoprire i principali “macro trend” che le competenze scientifiche del presente hanno già  individuato.