Vai al contenuto

Si può fare l’Europa unita?

Martedì 26 marzo alle ore 15 il professor Luigi Floriani ci parlerà del progetto di un’Europa unita con le sue difficoltà, i nodi spinosi come la Brexit e le incognite sul futuro.

Il 9 maggio 1950, Robert Schuman propose una cooperazione politica tra Stati: erano i primi passi verso un’Europa unita. Dopo le atrocità della Seconda guerra mondiale i governanti europei, con l’intenzione di porre un freno ai nazionalismi da cui era scaturito il conflitto, iniziarono un processo di integrazione economico e politico. L’Unione Europea, arrivata nel 2013 a contare 28 Stati membri (oggi 27, dopo l’uscita del Regno Unito, il 31 gennaio 2020) ha affrontato molte sfide, progetti rimasti incompiuti, polemiche legate alla moneta unica, la Brexit. Ha avuto però anche un importante successo: il clima di pace tra i suoi Stati tanto che nel 2012 l’UE ha ricevuto il Nobel per la Pace.

Il progetto di un’Europa unita ha avuto quindi svolte ed arresti nel corso degli anni. Col professor Floriani faremo il punto della situazione attuale e guarderemo al futuro dell’Unione Europea.