Vai al contenuto

Il potere tra storia e sentimenti

Livia e Giulia, donne di Augusto. A cura della prof.ssa Vacalebre e con relatore il prof. Paolo Biondi, celebre studioso e autore di romanzi storici ambientati nella Roma antica, questa interessante conferenza ci propone il ritratto di due donne famose, strettamente legate alla figura di (Ottaviano) Augusto: la moglie Livia e la figlia Giulia. Due donne diversissime fra loro, e con destini opposti, che avranno un grande impatto sulla società e l’impero.

Livia fu la terza moglie di Ottaviano Augusto, ottenne il titolo di Augusta, divenendo la prima imperatrice di Roma. Astuta e intelligente, desiderava arrivare al potere: divorziò dal marito per sposare il potente Ottaviano, fondendo così le due più influenti famiglie dell’epoca, la Giulia e la Claudia. Un’altra importante donna di Augusto fu sicuramente la sua unica figlia Giulia avuta dal suo matrimonio con Scribonia e nata lo stesso giorno in cui i due divorziarono per permettere così ad Ottaviano di sposare tre mesi dopo Livia Drusilla. Ottaviano ottenne la piena potestà della bambina, che fu sottratta alla madre. Il rapporto tra Livia e Giulia fu difficile, le due donne finirono per essere l’una la matrigna più nefasta per la casa dei Cesari e l’altra la vittima più insigne.