Vai al contenuto

Andrea MARIUZ C.V.

DOCENTE DI SOCIOLOGIA

E’ Colonnello (ris.) dell’Arma dei Carabinieri.

Ha conseguito la Laurea Magistrale in Sociologia e ricerca sociale – indirizzo Criminologia  applicata per la investigazione e per la sicurezza, e la Laurea I Livello in Scienze giuridiche. Lauree poi perfezionate con: Master II Livello in “Management in Scenari partecipati” e Master I Livello in “Diritto Internazionale Umanitario”. Si dedica allo studio delle dinamiche sociali e criminogene della devianza, del comportamento sociale e dell’individuo, delle relazioni e reazioni umane, della comunicazione verbale e paraverbale, di normativa penale e di procedura penale, di giustizia riparativa. Quale Criminologo è iscritto alla AICIS -FORLÌ- Associazione  Italiana Criminologi per la Investigazione e la Sicurezza.  Ha frequentato corsi di aggiornamento sulla comunicazione, sulla sicurezza urbana, sui meccanismi e processi dell’informazione. Ha pubblicato diversi articoli su riviste e partecipato in qualità di relatore a convegni.

 Anno accademico 2022-23

Argomenti di carattere sociologico, criminologico, della devianza sociale e criminale, della tutela delle vittime, ovvero tematiche ad esse affini, complementari e collaterali, a vantaggio della Comunità. Titoli delle lezioni potrebbero essere:

  • VIOLENZA SULLE DONNE: esiste davvero una via d’uscita? (ma esiste un modo per uscirne?)
  • MOBBING & STALKING: un fenomeno di devianza comportamentale e di devianza sociale, alla ricerca di un confine tra relazione e degenerazione, i profili sfumati della condotta tra aggressore e a vittima.
  • LE SETTE RELIGIOSE e nuovi movimenti religiosi (distruttivi).
  • BULLISMO e le  teorie delle bande giovanili.
  • DINAMICA DELLA TRUFFA: come difendersi dai raggiri.
  • GESTIONE DEL CONFLITTO: come gestire in maniera pronta i rapporti interpersonali convogliandoli a caratteri e valori positivi e propositivi (sia nel privato che nel collettivo)
  • LA SICUREZZA URBANA: le dimensioni della sicurezza agita e della sicurezza percepita.